Cosa fare con i broccoletti?!

Periodo di broccoletti verdissimi e buonissimi, ma come prepararli e gustarli al meglio per una ricettina sfiziosa?!

Se siete tentati dal comprare broccoletti verdi, ma non sapete come cucinarli, non vi preoccupate, che si risolve tutto in pochi minuti, perchè i broccoletti cuociono in fretta…ieri ho comprato un broccoletto da Eataly al Lingotto, dato che era in super sconto e dopo averlo provato posso dire anche che era super buono!!!

Oggi ho comprato un altro broccoletto da Lidl prezzo 1,19 euro al kg mentre da Eataly 1,48 euro al kg, vedremo quale sarà il migliore…

La ricetta di ieri per preparare il broccoletto è semplicissima:

lavare e tagliare il broccoletto in piccoli pezzi così si cuoce prima e spadellarlo con dell’acqua finchè, non diventa tenero, aggiungere 2 pomodori freschi per avere i 2 colori rosso e verde, ma se non li avete non importa. Una volta ottenuta una crema di verdure aggiungere sale e un filo di olio.

Intanto a forno caldo a 180 gradi preparare una teglia piccolina e stendere del guanciale a fettine o dello speck come fondo, poi mettere sopra la cremina di broccoletti e stendere sopra lo strato grasso del guanciale

( io ho aggiunto anche dei fiocchi di gorgonzola, ma se dovessi rifare la ricetta, eviterei il formaggio, troppi sapori insieme e forse eviterei anche il pomodoro ).

Ho terminato quindi con altro strato di guanciale e il tutto va infornato per pochi minuti e servito come fosse una mini lasagna!!!

Ho abbinato verdure con maiale, dato che il broccolo si sposa bene con la salsiccia e ho creato questa variante con il guanciale.

E’ venuta un’ottima ricetta per la cena della sera, ma se dovessi rifarla, magari opterei per una ulteriore soluzione meno calorica.

Con l’altro broccoletto vorrei fare delle polpettine con patate impanate e credo fritte…ma di questo parleremo domani a piatto preparato.

Annunci

Cioccocake: ricetta dolce senza uova

Novità del giorno:

come fare un dolce senza uova.

Quando apri il frigorifero e ti accorgi che le uova sono finite e non ti va di uscire, per andare a comprarle, perchè fuori piove e c’è un’umidità tale che, se avessi il coraggio di uscire ritorneresti a casa conciata come un barboncino…ma hai comunque voglia di prepararti un dolcetto, la soluzione è la cioccocake senza uova.

Certo in casa qualcosa ci deve essere, per preparare questa cioccocake e l’occorrente è :

– farina bianca

– vasetto di yogurt bianco

– zucchero

– vanillina

– mezza bustina lievito per dolci

– olio di semi

– cioccolata in barretta

– 10 gr di burro per sciogliere la cioccolata

Prendere il vasetto di yogurt al naturale (della Lidl molto buono di latte italiano) e

versarlo nella vostra ciotolona preferita per impasti.

Prendere lo zucchero e versarlo nel vasetto di yogurt,  utilizzandolo come misurino, poi versare tutto nella ciotolona dove avete messo lo yogurt…iniziate a girare amalgamando i 2 ingredienti.

Utilizzare sempre il vasetto come misurino e riempirlo a metà con olio di semi di arachidi,

poi versare anche questo ingrediente nella ciotolona.

Aggiungere farina bianca, ne ho messa fino a quando non si amalgama bene con gli altri igredienti, versare mezza bustina di lievito per dolci e una bustina di vanillina e mescolate tutto.

Poi in un pentolino fate sciogliere 3-4 scacchi di cioccolata Novi fondente con 10 gr di burro (per evitare che si attacchi nel pentolino) e versare anche questo nella ciotolona.

Vedere bene come è  venuto il composto e se mai aggiungere un pò di farina, non deve essere troppo liquido, ma comunque deve rimanere abbastanza morbido, assaggiarlo per sentire se è abbastanza dolce ed eventualmente aggiungere un pò di zucchero.

Carta forno disposta su teglia inox, forno caldo a 180° infornare e attendere 30 minuti.

Il gioco è fatto e la merenda è pronta.

Questa è la risposta alla vostra domanda:

“Come faccio a fare un dolce senza uova?”

Niente di più semplice low cost e fatto in casa, che vi garantisce genuinità e digeribilità.

Come già vi raccontavo in un post precedente, non compro più nessun tipo di biscotto al supermercato, ma me li faccio da sola o faccio dolci…

Piadine vegetali o cresciole al mais

Come fare piadine o cresciole caserecce con farina di mais e manitoba?

Con la farina di mais avanzata dallo scorso inverno,  che utilizzavo per fare la polenta, ho deciso di comporre delle piadine vegetali caserecce per questa sera.

Sì infatti avendo un pò di tempo libero, ho deciso di impiegarlo in cucina, così da evitare di comprare le piadine del banco frigo già pronte  e farne una decina in modo nuovo e casereccio…

Per l’impasto ho utilizzato 2 farine la maggior parte manitoba e un pochino di farina di mais, poi ho aggiunto mezza bustina di lievito, ma basterebbe un pò di bicarbonato per evitare il lievito…poi aggiungere sale e un pò di zucchero.

Ho messo olio d’oliva 2 cucchiai perchè l’impasto era abbondante, poi ho aggiunto acqua finchè non si è assorbita tutta la farina e ho creato una palla per l’impasto.

Ho diviso  poi l’impasto in palline, che ho poi steso a mano e con la forchetta, senza utilizzare il mattarello, ho scaldato la padella dove poi ho appoggiato il primo disco steso, per farlo scaldare, non vi preoccupate che non si attacca alla padella e riuscirete anche a girare la piadina senza romperla.

Le ho chiamate piadine vegetali o cresciole al mais, perchè il loro colore risulta essere giallino a causa dell’utilizzo dalla farina di mais e sono più friabili rispetto alle altre piadine normali, inoltre a me vengono un pò più spesse non avendo utilizzato il mattarello per stendere la pasta.

In 3/4 ora sono riuscita a finire di cucinare 10 piadine grandi,

attenzione se le piadine sono troppe in quantità, possono essere messe sottovuoto e conservate in frigo in modo da essere pronte all’utilizzo per un altro giorno.

Biscotti con grano saraceno senza lievito :-)

Se non sai cosa fare e ti annoi a cercare lavoro tutti i giorni su ogni sito web e ovviamente non riesci a trovarlo,

fai un break e mettiti ai fornelli è terapeutico e ti fa dimenticare che sei solo un disoccupato tra tanti…

Veniamo al dunque comprata farina di grano saraceno all’ ipersimply, dato che era anche in offerta, ho voluto provarla…

ora: cosa fare con la farina di grano saraceno?!

Risposta: dei fantastici biscotti con grano saraceno senza lievito, sempre molto caserecci, quindi niente formine!!

Prendere 200 gr di farina di grano saraceno aggiungere zucchero di canna (che ovviamente ho dimenticato di comprare quindi ho usato lo zucchero bianco) e 2 uova.

Capitolo burro da fondere: 160 gr di burro bavarese comprato all’ eurospin, devo dire che mi è sembrato adatto x i biscotti è giallo rispetto agli altri burri normali.

Poi tocco finale cioccolata in barretta mezza 50 gr sfilettata con coltello per fare le gocce di cioccolata o comunque è l’elemento cioccolatoso dei biscotti, dato che la farina è già nera, la cioccolata si confonde bene!!!

L’impasto è pronto se volete fate riposare in frigo così solidifica un pò…

io ho già steso su carta forno  i biscottoni di grano saraceno sulla teglia, il mio impasto non freddo è lento , ho aggiunto anche qualche goccia di latte per renderlo morbido, a me i biscotti troppo duri non piacciono!!!

Quindi una volta stesi sulla teglia ne ho riempita una, mettere a forno caldo a 180 gradi per 10-15 minuti.

Il gioco è fatto e la merenda è pronta e molto genuina!!!

Biscottoni neri al grano saraceno e cioccolata per rallegrare la vostra disoccupazione e il vostro portafoglio,

mi raccomando usate lo zucchero di canna che si sposa benissimo!!!

Alla prossima ricetta, spero di trovare presto un lavoro, altrimenti divento una casalinga disperata, ma mi sento fashion e bon ton come csaba di real time!!!

Biscotti con farina di farro senza lievito!!!

Se avete comprato la farina di farro e non sapete cosa fare…pensate ai biscotti al farro, li ho appena sfornati e sono venuti buonissimi e soprattutto molto genuini…!!!

Come si fanno i biscotti al farro?!

Niente di più semplice:

buttate 300 grammi di farina di farro, comprata da Dico,  in una ciotolona

poi aggiungete 2 uova intere e dello zucchero (dipende da quanto dolci li volete fare) e una bustina di vanillina.

Iniziate ad impastare con un cucchiaio e aggiungete il burro fuso ( anche per questo ingrediente dipende da che rapporto avete con i grassi animali ) io ne ho messo poco!!!

Il mio composto non riusciva ad amalgamare tutta la farina, avendo messo poco burro, così ho aggiunto un pò di latte in modo tale da creare un impasto compatto.  Assaggio l’impasto per sentire se c’è bisogno di aggiungere altro zucchero!!!

Dopo aver acceso il forno a 180 gradi, prendo la carta forno e la dispongo sulla teglia nera, poi sopra con il cucchiaio e la forchetta creo tutti dischi abbastanza grandi di impasto, che poi appiattisco  sopra con la forchetta.

Inforno e attendo 15-20 minuti, in modo che i biscottoni prendano colore, ovviamente sono caserecci,

per cui non mi sto a preoccupare della loro forma!!!

Sono venuti veramente ottimi perchè il latte aggiunto gli ha dato la giusta morbidezza e non c’è stato il rischio come a volte capita che la frolla diventi durissima!!!

Perfetto esperimento culinario e se pensi a quanto poco tempo ci vuole, per sfornare dei biscotti, che al supermercato costano molto e sono pieni di grassi vegetali indefiniti e di agenti lievitanti e altre sostanze, basta leggere nelle confezioni per avvertire acidità allo stomaco.

Devo ammettere che la mia esigenza di fare questi biscottoni è nata sia dal costo eccessivo di un pacco di biscotti buoni (non considero per niente le marche commerciali di frollini, non riesco proprio a mangiarli, non mi piacciono) sia dalle reazioni di rinfacci vari che ti senti tutto il giorno, dopo che hai mangiato un pacco di gocciole e altri tipi di biscotti.

Meglio mangiare di meno ma di qualità e soprattutto avere il vantaggio di sapere con cosa è fatto quello che mangi!!!

Ho voglia di cheese-cake: come fare una torta fredda, senza forno!!!

A volte capita che ti prenda voglia di una fettina di torta gustosissima e a casa non hai voglia di preparare e sporcare troppo!!

Una soluzione potrebbe essere  quella di sbriciolare dei biscotti croccanti  ( l’ultima volta ho utilizzato chicchi di malto ) ma ora credo di sbriciolare dei residui di torrone duro, ricoperto di cioccolata dello scorso natale (era un Pernigotti in offerta a me non è piaciuto per niente, incomparabile con il Bedetti: il vero torrone duro alle mandorle ricoperto di cioccolata!!!).

Una volta ottenuto il composto sbriciolato, basterà aggiungere  altro zucchero e del burro fuso ( poco dato che serve solo da collante per renderlo compatto), quella sarà la vostra base del cheese-cake, quindi poi stendere:

–  o in un piatto direttamente per la versione solo a freddo,

–  oppure nella teglia rotonda da torta forno per la versione 10 minuti  di cottura al forno.

Il sopra potrà essere fatto a vostro gusto, utilizzando un tipo di formaggio come la ricotta o il mascarpone.

Prediligo il mascarpone con lo zucchero e 1-2  uova e dopo aver steso il composto cremoso sopra alla base di biscotti sbriciolati, di solito ripasso in forno 10 minuti, ma la soluzione più veloce prevede direttamente il frigo per 3-4 ore.

Sia ripassata in forno che direttamente a freddo, la torta deve riposare in frigo per tempo prolungato,  poi una volta che si è compattato tutto e vedrete i 2 colori netti bianco del formaggio e marrone della base, è ora di spalmare sopra la marmellata di frutti di bosco e rimettere tutto in frigo per altre ore!!!

E’ un dolce che si può preparare per la cena del giorno dopo o che si fa nel pomeriggio per la colazione del giorno seguente, la versione del tutto a freddo è più veloce quindi da gustare prima!!!

Buon gusto a tutte/i!!